Ultime News
“Prodjgi” del jazz alla Cascina Cuccagna di Milano

“Prodjgi” del jazz alla Cascina Cuccagna di Milano

2 aprile 2024

Al Cuccagna Jazz Club di Milano continuano gli appuntamenti della rassegna “Prodjgi”, organizzata da Musicamorfosi con il sostegno del Ministero della Cultura e di SIAE nell’ambito del programma “Per Chi Crea”, che ha lo scopo di valorizzare i musicisti di talento under 35.

Da inizio anno la Cascina Cuccagna di Milano ospita i concerti di “Prodjgi”, acronimo di promozione del jazz giovane italiano: il Cuccagna Jazz Club, presso il ristorante Un posto a Milano, è il luogo in cui i giovani talenti del jazz nazionale ogni martedì possono esibirsi in un doppio set (ore 19.30 e 21.30), con ingresso sempre libero.

Protagonista del primo appuntamento del mese di aprile, martedì 2, sarà l’Østrik Quartet, gruppo formato da Simone Capitaneo al trombone, Raffaele Garramone al pianoforte, Christian Scaffidi al basso elettrico e Giovanni Pagliara alla batteria: i quattro giovani talentuosi musicisti, che si sono conosciuti frequentando il Conservatorio G. Verdi di Milano, insieme a Oliseh Francesco Obiarinze al trombone, omaggeranno il grande J.J. Johnson, considerato tra i migliori trombonisti jazz di tutti i tempi, che collaborò con musicisti leggendari quali Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Benny Carter, Count Basie, Miles Davis, Bud Powell, Sonny Rollins e molti altri ancora.

Martedì 9 aprile spazio al divertente progetto intitolato “Vita da cartoni”, che vedrà impegnati tre stimati jazzisti quali Gabriele Boggio Ferraris al vibrafono, Massimiliano Milesi al sax e Alessandro Rossi alla batteria. Il trio proporrà un concerto a metà strada tra il jazz delle origini e quello contemporaneo, un mix di musica improvvisata e di rumori insoliti, facendosi ispirare in modo particolare dalle colonne sonore dei cartoni animati del passato.

Martedì 16 aprile riflettori puntati ancora sull’Østrik Quartet, che sempre insieme al trombonista Oliseh Francesco Obiarinze, presenterà una serie di standard riletti in chiave personale, mentre la settimana successiva, martedì 23 aprile, torneranno a esibirsi in Cascina Cuccagna i Satoyama, quartetto emergente nato nel 2013 e composto da Luca Benedetto (tromba e tastiera), Christian Russano (chitarre ed elettronica), Marco Bellafiore (contrabbasso ed elettronica) e Gabriele Luttino (batteria, glockenspiel ed elettronica). I Satoyama (che si sono aggiudicati l’edizione 2022 di Nuova Generazione Jazz) hanno dato vita fin da subito a una musica di confine, profondamente immaginifica e onirica, con larghe influenze jazz e progressive rock, passando anche dalla world music e dall’elettronica, alla ricerca di un sound e di uno stile riconoscibile. Il quartetto si occupa di confini non solo in senso figurato: “Sinking Islands”, il suo ultimo album, accolto con entusiasmo dalla critica, tratta infatti delle isole minacciate dal cambiamento climatico e dei movimenti migratori che ne derivano.

Infine, per l’ultimo appuntamento del mese, martedì 30 aprile, in occasione dell’International Jazz Day, la Giornata internazionale dedicata al jazz promossa dall’Unesco, salirà di nuovo sul palco l’Østrik Quartet, sempre con il tributo a J.J. Johnson, e con special guest della serata Andrea Andreoli, trombonista di grande talento, tra i più interessanti jazzisti della sua generazione, con importanti collaborazioni a livello internazionale (una su tutte, la WDR Big Band di Colonia) e una nomination ai Grammy Awards nel 2019. Seguirà una travolgente jam session.

INFO

www.musicamorfosi.it

 

Abbonati a Jazzit a soli 29 euro cliccando qui!