Ultime News
Sun Village<br/>Intervista a Filippo Bubbico

Sun Village
Intervista a Filippo Bubbico

5 ottobre 2018

Si intitola Sun Village il nuovo album di Filippo Bubbico: l’abbiamo intervistato.

Di Eugenio Mirti

Ci spieghi il simpatico titolo del disco? 
Il titolo dell’album viene dal nome del villaggio in campagna nel quale è situata casa mia: “Villaggio del Sole”. Sono due stradine parallele nel cuore del Salento, a 5km dalla città e 4km da San Cataldo, marina di Lecce. Lì, nella tranquillità della campagna, dell’aria pulita e dei colori straordinari del Salento scrivo e produco tutta la musica che mi passa per la testa e fra le mani!

L’album è stato registrato da una formazione molto ampia: come hai scelto i musicisti?
Non è stato facile scegliere i musicisti da coinvolgere in quanto nel corso degli ultimi quattro anni della mia vita ho avuto la fortuna di conoscere una moltitudine di straordinari musicisti/amici (combinazione fondamentale). Detto questo però c’è da dire che per esempio Dario Congedo è uno dei miei batteristi preferiti sulla faccia della terra e per altro viviamo nella stessa città! Luca Alemanno è il mio bassista elettrico preferito sulla faccia della terra (anche se dal vivo spesso e volentieri c’è Federico Pecoraro, anche lui è incredibile) e per altro non viviamo nella stessa città ma anzi abbiamo fatto delle studio session in videochiamata su whatsapp mentre lui registrava a Los Angeles insieme a Simon Moullier. Giacomo Ferrigato è il mio chitarrista preferito! Per non parlare di Emanuele Coluccia, Carolina Bubbico, Clara Calignano, Vincenzo Destradis, Giacomo Riggi; amore puro.

E come hai lavorato in particolare agli arrangiamenti?
Il lavoro di arrangiamento è avvenuto in contemporanea al processo creativo, di composizione e mixing, come una stampante che trasforma un foglio bianco in uno pieno di informazioni impacchettate. Questo avviene nel 70% dei casi. Nel restante 30% il lavoro richiede più struttura e artigianato; alcuni brani nascono nella loro integrità nel giro di uno/due giorni, altri nel giro di una settimana! L’approccio dei musicisti che hanno partecipato alla realizzazione di Sun Village è stato comunque molto fedele a quello che di base avevo già creato, ma senza nessun tipo di vincolo creativo!

Come componi? Con lo strumento, senza, in macchina, di sera?
Non ci sono metodi ed orari, l’ispirazione è spesso, nel mio caso, legata ad un filo che traina tutto il processore compositivo: il desiderio. Il desiderio riguarda ciò che non abbiamo e che, alcune volte, è meglio non avere! Sicuramente la perseveranza nel tentativo di scrivere qualcosa fa in modo che il meglio possa uscire, quindi ne segue una sorta di impegno nei confronti della composizione, un provare ogni giorno a scrivere cercando di non ripetersi mai, uscendo dalla zona di comfort: rimanere nei propri schemi non aiuta! Per comporre, nel pratico, uso il pianoforte o la tastiera; la suggestione di un suono diverso (tipo un synth o un pad) può aprire porte a nuove atmosfere non evocabili con il suono del pianoforte. A volte provo a scrivere in altri modi: trovo molto utile e stimolante comporre con uno strumento inesplorato in quanto eliminare l’ostacolo del meccanicismo delle mani spesso aiuta a tirare fuori veramente quello che hai in testa.

Che cos’è il jazz oggi? E cosa caratterizza la tua musica?
Questa è storicamente una domanda dalla risposta difficile! Per me il jazz oggi è, come a mio parere è sempre stato, un qualcosa in divenire, un “genere” o meglio una visione in continua evoluzione, una continua ricerca che prevede una base di consapevolezza musicale e di improvvisazione, ma un improvvisazione non intesa unicamente come momento di solismo ma anche come momento di creazione estemporanea nella quale ci si addentra nel cuore dei meandri inesplorati dell’armonia, del ritmo, della melodia e dei linguaggi musicali legati all’emotività. La mia musica è caratterizzata da questa ricerca!

Presenterai il disco live? Quando e dove?
Sun Village, uscito il 21 Settembre per Workin’ Lablel, ha iniziato il suo viaggio con la presentazione ufficiale del disco qui a Lecce il 20 Settembre; le prossime date: 

18 ottobre – Showcase Cappellani Music Megastore – Acireale

19 ottobre – Ridotto dello spasimo – Blue Brass – Palermo

20 ottobre – Teatro della Posta vecchia – Agrigento

21 ottobre – Cluster Music & co – Cosenza

22 ottobre – Solo Opening Cory Wong Teatro Forma – Bari

1 novembre – Anche Cinema, Bari

7 novembre – Auditorium Parco della Musica – Roma

17 novembre – Palazzo Ulmo – Taranto

Ma la lista è in divenire!