Ultime News

Sartoris/ Cifarelli
Inquadratura di composizioni
Tǔk Art/Music, 2024

Sartoris/ Cifarelli<br/>Inquadratura di composizioni<br/>Tǔk Art/Music, 2024

29 marzo 2024

Esce oggi per la Tǔk Art, sezione della Tǔk Music dedicata alle forme del figurativo, “Inquadratura di composizioni”, un progetto multimediale che nasce dall’incontro tra il pianista Emanuele Sartoris e il fotografo Roberto Cifarelli, un lavoro di sinestesia tra immagini e suono, una fusione tra arte visiva e musica, un vero e proprio lavoro a quattro mani che prevede quattro brani commissionati da Sartoris a Cifarelli e quattro idee fotografiche che Cifarelli ha assegnato a Sartoris. Ogni commissione è stata estremamente libera, facendo sì che ognuno potesse far suo e personale lo sguardo sull’argomento scelto.

Riflessioni Sonore è stato il punto di partenza dell’opera, la prima foto sulla quale Sartoris ha iniziato a lavorare. Più che uno scatto si tratta di una vera e propria composizione pittorica, in cui la foto sembra passare attraverso lo specchio per dare vita a qualcosa di totalmente nuovo. Con negli occhi l’impressione di questo scatto, Sartoris ha realizzato un brano che passasse attraverso lo specchio, qualcosa che fosse sé stesso, ma che terminasse capovolto come se il riflesso lo avesse distorto, generando qualcosa di totalmente innovativo. In questo passaggio i suoni e le armonie cambiano, la stessa voce di Roberto che inizialmente enuncia il pezzo, al termine del brano risulta capovolta.

Nella creazione dei vari brani talvolta si è partiti da elementi semplici come nel caso di Sympatheia, per il quale Cifarelli ha selezionato per Sartoris alcuni dei suoi meravigliosi scatti dedicati a Wayne Shorter, artista amato da entrambi scomparso da poco più di un anno. Talvolta invece la costruzione è scaturita da un processo più complesso, come per esempio la richiesta di rappresentare visivamente il vento in Zefiro, l’anima con Archè o Il tempo con l’omonimo brano. Per contro Cifarelli ha chiesto a Sartoris di lavorare su alcune tecniche spesso utilizzate, come i celebri “mossi” nel brano Immobile, in cui la composizione descrive la frenesia di questa tecnica fotografica attraverso cambi ritmici e armonici repentini.

Da un incontro avvenuto per caso in un noto locale milanese in occasione di un concerto, grazie all’amico comune Massimo Bernardini, Sartoris riceve l’invito a visitare l’Atelier “Atmysphere” di Cifarelli, dove scatta la scintilla che porterà alla collaborazione tra i due artisti, che decidono di creare insieme un’opera d’arte totale, che potesse unire in maniera profonda le loro abilità artistiche umane e creative.

Photo Credit To Roberto Cifarelli

Da questo incontro fortunato nasce “Inquadratura di Composizioni”, un lavoro nuovo nel modo in cui vengono fuse e incluse le due arti, in cui il disco e il CD non servono solo a sentire, ma anche e soprattutto a vedere la musica, motivo per cui gli oggetti fisici, vinile e CD, dotati di QR code che portano a contenuti multimediali, diventano necessari per poter entrare e immergersi non solo nella visione artistica degli autori, ma in un mondo nuovo in cui senza immagini non ci sarebbero suoni e viceversa.

INFO

www.tukmusic.com

 

Abbonati a Jazzit a soli 29 euro cliccando qui!