Ultime News

Roberto Bindoni
Antigua
Inside the score

Roberto Bindoni <br/>Antigua<br/>Inside the score
7 luglio 2020

Il nuovo appuntamento con “Inside the Score”

Nuovo appuntamento con la rubrica Inside The Score: abbiamo chiesto ad alcuni dei musicisti più emblematici della comunità jazzistica italiana di raccontarci una loro composizione. Buona lettura.

Di Roberto Bindoni; a cura di Eugenio Mirti

Antigua è un brano del disco “Mediterranean Cowboy” del quartetto Roberto Bindoni Unquiet Quartet pubblicato nel 2020 da AlfaMusic; è l’unico brano del disco dove molte parti sono scritte. Ho scelto questo brano per la sua articolazione, per la variazione di tempo e dell’intensità, per lo spirito narrativo che intende condurre l’ascoltatore in luoghi altri.

Questa composizione nasce dal richiamo della scrittrice cilena Marcela Serrano e dalla sua opera “Antigua vita mia”. È un omaggio alla complessità femminile e ai suoi mutamenti. Direi che nello scenario “Cowboy” c’è sempre poco spazio alla muliebrità; ho dovuto scendere qualche grado di latitudine per trovarla, invece, in Marcela Serrano. Antigua si articola in situazioni diversificate che portano l’ascoltatore altrove per poter esprimere con maggior forza l’energia che può sprigionare.

FORMA:
Intro (6 misure in 7/8)
A1 (18 misure in 7/8) + A2 (8 misure in 6/8)
A1 (18 misure in 7/8) + A2 (8 misure in 6/8)
B (16 misure in 3\4 arpegggio eseguito solo dalla chitarra)
C: in ¾ F#- Dmaj#11 (IMPRO CB + IMPRO GTR)
A2 non definito (fino a che ilsax riprende il tema)
D (pedale Bb maj dies 11 per IMPRO SAX)
A2 (suonato in crescendo)
Outro\stop free in diminuendo

La tonalità di riferimento prevalente è La maggiore. In termini ritmici il brano è strutturato in 7/8 che si alternano a 6/8. Antigua inizia con un tempo di 7/8 suonato solamente dalla chitarra e che dopo sei misure introduce A1. Questa sezione è caratterizzata da un binario ritmico e armonico che vede chitarra e contrabbasso suonare alcune note all’unisono mentre il sax suona in contrappunto; la batteria, invece, si muove più lievemente e liberamente, potendo anche interrompere il proprio flusso ritmico. A1 in 7/8 fluisce in A2 in 6/8.

Dalla sezione Bfino al termine del brano il tempo rimarrà definitivamente in 6/8. La chitarra, da sola, effettua un arpeggio che introdurrà una sezione di 2 accordi (F# min e D maj) sui quali contrabbasso e chitarra improvviseranno.

Si riprende la forma A2 che porta nuovamente la presenza del sax che con maggior vigore ritmico consente un cambio (armonico) al pedale di Bbmaj7 (#4) su cui il Sax improvvisa.

Sempre sotto la guida del sax tutto si torna alla A2 dove la melodia non è più quella originale ma si appoggia sulle note di passaggio della chitarra. Al termine, con una sorta di interruzione ritmica, i suoni concludono il tutto lasciandosi semplicemente vibrare.

img
img
img

Abbonati a Jazzit con 29 euro cliccando qui!