Ultime News

Parole e immagini per…
Sorah Rionda
Di Daniela Floris e Carlo Mogavero

Parole e immagini per… </br>Sorah Rionda </br>Di Daniela Floris e Carlo Mogavero

28 agosto 2017

A Feltre, durante la quinta edizione del Jazzit Fest, in una bellissima sala di Palazzo Guarnieri abbiamo ascoltato i musicisti che sono venuti da noi a raccontarci i loro progetti.
Abbiamo messo a disposizione le nostre capacità di descrivere la musica, Daniela con le parole, Carlo con le immagini. E abbiamo creato per ognuno di loro uno scritto e due ritratti fotografici firmati.

Il testo non prevede un parere critico sulla musica descritta, le foto sono state scattate secondo i desideri degli artisti: ci siamo messi al servizio delle loro inclinazioni e dei loro desideri.
Questo è il risultato del nostro lavoro, che gli artisti potranno usare nei loro siti, come liner notes, come comunicato stampa, o comunque vorranno.

Di Daniela Floris e Carlo Mogavero

Provate ad immaginare un Filo di Luce che unisca luoghi diversi come Cuba, Spagna e Marocco. Ma che oltre luoghi congiunga tempi lontani, dagli antenati più antichi, a una madre e un padre fino ad arrivare ad una ragazza di oggi dalla voce melodiosa con la sua chitarra. Quella ragazza si chiama Sorah Rionda e raccontando se stessa, i suoi luoghi, la sua famiglia, racconta una parte di Mondo che potrebbe essere la nostra, per quanto mondo c’è nella Chiave dei Caraibi, dove è nata, luogo di incontro tra razze e culture. Sorah è nata a Cuba, da padre marocchino e madre spagnola, ma seguendo all’indietro quell’Hebra de Luz fino ai bisnonni, scopre che il Marocco è anche nel sangue di sua mamma. Nel suo cammino, nella sua infinita ricerca che l’ha portata a scoprire tanto di sé, della sua storia, della sua famiglia, canta e compone cercando e trovando ciò che unisce, non ciò che divide. Racconta la bellezza della complessità delle relazioni, canta i colori, i profumi, i suoni, le parole e i luoghi. La ascolterete cantare canzoni tradizionali cubane e spagnole o del trobador Graziano Gomez, che è suo zio, o canti marocchini, o anche canzoni originali che sono il frutto di una lunga e affascinante ricerca anche interiore, attraverso un Filo di Luce.

img