Ultime News

Locomotive Jazz Festival 2023: Time Is Back

Locomotive Jazz Festival 2023: Time Is Back

Il Locomotive Jazz Festival, nato a Sogliano Cavour (LE) nel 2006, è diventato ormai un appuntamento imperdibile dell’estate musicale italiana, e per questa diciottesima edizione, in programma dal 20 luglio all’8 agosto, porterà il jazz negli angoli più belli e suggestivi della Puglia, da Castro al Gargano, da Marina Serra a Siponto, per trasformarlo in un momento di incontri e incroci, sperimentazioni musicali e politiche culturali innovative.

Il claim scelto per la diciottesima edizione del Locomotive è “Tempo”, motore che produce ricchezza e che si trasforma in esperienza da custodire gelosamente. «La parola tempo porta dentro di sé molteplici sfumature connotative – dichiara il sassofonista Raffaele Casarano, direttore artistico del festival – che ne descrivono la sua natura sfuggente e, al tempo stesso, tanto presente da incidere fortemente nella vita di tutti e di ognuno. Il tempo come essenza dell’esistenza, per riflettere su un cammino che, con innumerevoli esperienze, incontri e condivisioni, può e deve finalmente festeggiare la sua maturità. Bisogna comprendere che il cammino è sempre molto lungo e nulla viene acquisito senza la capacità di emozionarsi davanti ai cambiamenti e alla crescita, in questo connubio fortissimo d’amore con la meravigliosa compagna di viaggio chiamata musica».

Il Locomotive Jazz Festival 2023 si annuncia come una festa delle feste, contenitore di anniversari importanti. A iniziare dal ventennale della jazz band Avion Travel, che si accompagnerà con la Medit Orchestra, e dal ritorno di Steward Copeland, fondatore dei Police, per festeggiare l’anniversario della sua cittadinanza onoraria nel Comune di Melpignano, dove è atteso il 20 luglio, affiancato per l’occasione da grandi nomi del panorama jazz e della world music. Per la prima del festival, sul palco melpignanese arriveranno il Maestro Vittorio Cosma, tastierista, compositore e produttore discografico, ex componente della PFM, il polistrumentista Ares Tavolazzi, membro del gruppo storico d’avanguardia Area, maestro di jam session e improvvisazione, e Giancarlo Parisi della Premiata Forneria Marconi, musicista capace di conferire ai suoi strumenti a fiato possibilità musicali inedite.

Non potevano poi mancare i volti noti della riscoperta tradizione musicale del Salento: il talento indiscusso Antonio Castrignanò, musicista, autore e compositore di colonne sonore di film pluripremiati; i figli d’arte Mauro Durante ed Emanuele Licci, rispettivamente tamburello e voce del Canzoniere Grecanico Salentino, nonché due tra i massimi rappresentanti della pizzica; Ninfa Giannuzzi, cantante e musicista che, dopo aver girato il mondo come raffinata interprete della musica popolare, si è fatta apprezzare anche nell’universo del rock d’autore. Insieme a loro il 20 luglio suoneranno anche il bassista pugliese Michele Lobaccaro e il cantante palestinese Nabil Ben Salameh, in una sola parola Radiodervish, uno dei migliori ensemble di world music, capace di fondere tradizioni mediterranee e sonorità arabe in un’elegante combinazione di sfumature melodiche, elettroniche e acustiche.

Inoltre, altri collaboratori storici del Locomotive Jazz Festival, come Carla Casarano, cantante e musicoterapeuta, Alessandro Monteduro, percussionista e docente presso la Locomotive Percussion Academy, Silvio Cantoro, bassista, scrittore, regista e autore di spettacoli musicali-teatrali, Pierangelo Chiga, meglio conosciuto come Keyga, produttore di musica elettronica e dubstep, Andrea Favatano, chitarrista eclettico e Sergio Fanton, batterista e artist manager di successo. A completare la meraviglia, il suono morbido della marimba di Marco Girardo e le originali sonorità del violino di Francesco Del Prete.

Il main stage ospiterà poi i Neri Per Caso, per un evento in collaborazione con Cime di Rapa, che porterà sul palco una sonorizzazione live dei suoni e delle frequenze della natura, e poi Fabrizio Bosso, Roberto Ottaviano, Peter Erskine e Dhafer Youssef. La carovana del festival si chiuderà alle prime luci dell’alba dell’8 agosto sulla spiaggia di San Cataldo per l’attesissimo appuntamento con l’Alba in Jazz sulle note della cantante del momento, Annalisa. Il celebre evento di chiusura vedrà la codirezione di Giuliano Sangiorgi e il partenariato di Sangiorgi Edizioni Musicali.

Da segnalare poi il secondo concorso “Il Saxofono Italiano”, che si concluderà con l’Algorhythm Sax Quartet il 30 luglio, presso KORA Centro del Contemporaneo a Castrignano dei Greci, iniziativa targata Locomotive Classica. Per la serata del 2 agosto grande attesa per Tria Corda Night, in collaborazione con Enegan e Locomotive, il cui incasso sarà interamente devoluto al Polo Pediatrico del Salento.

Fucina di talenti e intreccio di stili musicali, con gli anni il Locomotive Jazz Festival ha abbracciato un’intera filosofia d’azione con l’intento ambizioso di educare il proprio pubblico, stimolare all’arte e a considerare la musica come un mestiere a tutti gli effetti. Musica che diventa un tutt’uno con la collettività, al servizio delle periferie e sostiene le realtà più fragili, portatrice di un messaggio sociale consapevole e fondamentale. Come lo è oggi l’attenzione verso il tema dell’ambiente e la tutela del patrimonio culturale che il festival porta con sé. Musica come linfa vitale che si rigenera con le giovani leve, a cui è dedicata anche la sezione speciale Locomotive Giovani. Perché chi ha tempo non lo aspetti, anzi lo celebri.

INFO

www.locomotivejazzfestival.it