Ultime News

Lana Meets Jazz 2023 – XI edizione

Lana Meets Jazz 2023 – XI edizione

12 giugno 2023

Undicesima edizione del festival “Lana Meets Jazz”, che si svolgerà dal 13 al 18 giugno in diverse località del Comune di Lana (BZ). Il festival è organizzato dall’Associazione Sweet Alps, con la direzione artistica della sassofonista, cantante, band leader e compositrice Helga Plankensteiner e del pianista Michael Lösch, in collaborazione con il Comune di Lana, l‘Associazione Turistica di Lana e dintorni, la Scuola di Musica e la Biblioteca di Lana.

Martedì 13 giugno il festival verrà inaugurato alle 20.00 alla Biblioteca di Lana da The Youngsters meet the Rhythm Section, con Matthias Schriefl (tromba), Paolo Trettel (tromba), Klaus Dickbauer (sax alto e clarinetto), Achille Succi (sax alto e clarinetto basso), Florian Bramböck (sax tenore), Helga Plankensteiner (sax baritono), Federico Pierantoni (trombone), Peter Cazzanelli (trombone basso), Michael Lösch (organo e composizione), Glauco Benedetti (tuba) e Paolo Mappa (batteria). Un nuovo progetto stellare di Michael Lösch, tra folklore e jazz. Elementi balcanici africani e alpini si fondono nel jazz e offrono l‘occasione per straordinarie improvvisazioni.

Mercoledì 14, all’Hotel Schwarzschmied alle ore 21.00, Titti Castrini Band feat. Alan Farrington, con Alan Farrington (voce, chitarra e percussioni), Titti Castrini (fisarmonica e voce), Davide Veronese (tromba e voce), Teo Ederle (basso e voce) e Cesare Valbusa (batteria e percussioni). Un viaggio tra le musiche internazionali: canzoni e racconti in musica di come i suonatori portavano l’allegria nelle corti e nelle piazze dei paesi.

Giovedì 15 giugno, alle 20.00 al vivaio Galanthus, Omar Sosa & Ernesttico Duo B-Black. Il pianista cubano Omar Sosa e il percussionista e batterista cubano Ernesttico condividono un vocabolario musicale comune che deriva direttamente dalle loro radici afro-cubane, così come da un interesse condiviso ad accrescere le sonorità tradizionali con strumenti elettronici e suoni campionati. Entrambi gli artisti inoltre prediligono un approccio alla musica che enfatizza l’improvvisazione e la libertà di espressione, divertendosi e deliziando il pubblico con l’interazione spontanea della loro energia e del dialogo musicale.

Venerdì 16, al caffè Am Gries alle 17.00, Aperitivo Jazz con The Disaster, band che ha come protagonisti gli allievi dei corsi jazz di Lana, Max Tribus al sax e Sebastian Gander alla batteria, accompagnati da Michael Lösch all’organo. Alle 20.00, al Bistro Café Walter salirà sul palco Marco Stagni con il progetto “Animali Notturni”, con Marco Stagni al basso, Matteo Cuzzolin al sax tenore, Philipp Osanna alla chitarra e Max Plattner alla batteria. Marco Stagni descrive il suo progetto come un viaggio nella notte, esplorando le profondità dell‘anima e sondando l‘equilibrio tra istinto e intelletto.

Sabato 17 giugno, alle 11.00, al Wieserhof Völlan, si esibirà OoopopoiooO, con Vincenzo Vasi al theremin, voce ed elettronica e Valeria Sturba al theremin, violino e voce. Ogni concerto degli OoopopoiooO è un’esperienza di suoni e visioni, in cui è facile perdersi in atmosfere oniriche e lasciarsi cullare da suoni impalpabili, ma anche farsi trasportare dal ritmo e dalla leggerezza delle canzoni. Oltre al theremin, strumento di cui sono considerati entrambi virtuosi e massimi esponenti, nel loro parco giochi sonoro si trova di tutto: violino, basso elettrico, tastierine, minisynth, giocattoli, pezzi di cartone, maiali di gomma, percussioni, rullanti, voci suggestive, voci suadenti, voci terrificanti. Alle 19.00, alla Rathausplatz, concerto della Pic Pänth, big band giovanile della scuola di musica di Kaufbeuren, che eseguirà classici delle big band, e musiche pop, rock groovy e funk. Da diversi anni i musicisti, di età compresa tra i 14 e i 22 anni, si esibiscono in occasione di vari eventi in città, ma anche di incontri di big band nella regione. Alle 20.00 al ristorante Lanahof jam session aperta a tutti i musicisti jazz, con opening dei Mask, gruppo formato da Markus Moser al sax, Matteo Scalchi alla chitarra, Andrea Ruocco al basso e Alessandro Ruocco alla batteria. Mask è un progetto che esplora le radici del jazz e del rock, lasciandosi ispirare dalle tradizioni popolari dell‘africa e del medio oriente. Il risultato è una musica originale in cui si alternano panorami meditativi e intense tessiture ritmiche.

Domenica 18 gran finale alla tenuta medievale Goldegg con il Francesco Bearzatti Tinissima Quartet Zorro”, con Franceso Bearzatti al sax e clarinetto, Giovanni Falzone alla tromba, Danilo Gallo al basso e Zeno De Rossi alla batteria. In occasione del centenario di Zorro, il sassofonista Francesco Bearzatti e il suo Tinissima Quartet presentano Zorro, una favolosa suite in cui trovano posto grandi temi cinematografici, intermezzi romantici, vasti paesaggi e inseguimenti mozzafiato.

(testo a cura di Rosario Moreno)

INFO

www.sweetalps.com