Ultime News

Eugenio Mirti
L’intervista a John Scofield
Oldies But Goldies

Eugenio Mirti<br/> L’intervista a John Scofield<br/> Oldies But Goldies
Photo Credit To Luca Vantusso

5 gennaio 2020

In occasione dell’uscita di “Past Present” (Impulse!, 2015) Eugenio Mirti intervistò John Scofield per Jazzit n. 91.

Di Eugenio Mirt; fotografie di Luca Vantusso

Questa formazione (il quartetto con Joe Lovano al sax tenore) aveva già realizzato tre dischi nei primi anni Novanta: come mai hai deciso di riunirla?
Avevo sviluppato delle idee musicali molto precise: siccome ultimamente ho lavorato molto su progetti più funk, volevo realizzare adesso un disco che fosse più jazz (letteralmente “some jazz stuff”, NdR).

Qual è il tuo approccio alla scrittura?
Di solito mi metto al lavoro di mattina, uso la chitarra e mi siedo cercando di vedere che cosa esce fuori. Non mi piace lavorare o scrivere cose troppo complicate: non mi sembra che spenderci sopra troppo tempo faccia migliorare i brani, e se non riesco a finire qualcosa passo subito all’idea seguente.

  

Hai definito questo disco “futuristic blues”: che cosa intendi?
Che davvero mi sembra una versione futuristica del blues! Per esempio, se ascolti il brano Past Present ha un suono moderno, contemporaneo, differente dal blues ma sempre con il suo “vecchio” sapore.

img

L’intervista integrale su Jazzit n. 91 che si può acquistare cliccando qui.