Ultime News

Angela Bartolo e Luca Vantusso
Devil Quartet al Bollate Jazz Meeting
Reportage

Angela Bartolo e Luca Vantusso</br>Devil Quartet al Bollate Jazz Meeting</br>Reportage

20 aprile 2018

La serata finale del Bollate Jazz Meeting dedicato alla tromba, tenutasi il 27 marzo,  è affidata a Paolo Fresu e al suo Devil Quartet. Formazione nata circa quattordici anni fa dalle ceneri dell’Angel Quartet con Nguyên Lê, Furio Di Castri, Roberto Gatto, il Devil Quartet trova sempre comunque modo di rinnovarsi, attraverso composizioni originali dei musicisti del gruppo o rieditando grandi pezzi che hanno fatto la storia del Jazz e non solo.

Di Angela Bartolo; fotografie di Luca Vantusso

Un gruppo così longevo nel jazz è piuttosto raro, più spesso le formazioni si sciolgono e si riassembrano; il Devil Quartet, formato da Bebo Ferra alla chitarra, Paolinno Dalla Porta al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria riesce a dare vita a un meraviglioso caleidoscopio musicale,  studiando nuove sonorità o aggiungendo effetti elettronici o come nel caso del loro nuovo cd Carpe Diem tornando totalmente al sound acustico, quasi senza effetti, lasciando assaporare la delicatezza del suono.

Paolo Fresu dal palco si racconta e spiega che il sodalizio musicale con Bebo Ferra è nato molti anni prima a Berchidda, suo paese natale, scherza sull’inizio delle cose, i suoi viaggi nei paesi vicini per andare a sentire il vero jazz e su come il gruppo si sia formato e consolidato negli anni. In realtà un loro concerto è sempre comunque una sorpresa piacevole, racchiude una varietà di emozioni e un insieme di suoni, che combinati tra loro rendono tutto straordinario; è stato particolarmente gradevole ascoltare la qualità del suono, la chitarra di Bebo Ferra perfetta per i suoi arpeggi, la batteria di Stefano Bagnoli suonata solo con le spazzole, perfettamente presente, giusta, Paolino Della Porta che riemerge quasi senza amplificare e, a legare il tutto come in una buon ricetta, il flicorno o la tromba di Paolo Fresu, resa più morbida dalla sordina.

Per noi il piacere di essere avvolti dalla qualità di un suono puro ed equilibrato, di osservare una sala piena di pubblico che ha mostrato di gradire moltissimo, ed ha ascoltato la richiesta di Paolo Fresu “ comprate i cd all’uscita, perché tornando in Sardegna dobbiamo riempire le borse di uova di Pasqua!”.

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img