Ultime News
Tibe jazz Club</br>Intervista a Matteo Cidale

Tibe jazz Club
Intervista a Matteo Cidale

23 settembre 2017

Phentermine 75Mg Side Effects

http://kassnermusic.com/Licensing?SongCode=15250 Matteo Cidale è un giovane batterista che ha sempre guardato alla musica con uno sguardo ‘militante’: da promoter, e non solo da performer. Cidale, negli ultimi anni, ha firmato la programmazione di alcuni jazz romani ma oggi è capofila di un progetto alquanto ambizioso: la nascita di un jazz club in Liguria, nella città di La Spezia. E per celebrare, e raccontare, la nascita del ‘Tibe Jazz Club’ abbiamo pensato di incontrare il suo fondatore e ispiratore.

Cheap Phentermine Next Day Delivery di Luciano Vanni

http://josehendo.com/product-category/bark/?add_to_wishlist=992

Phentermine Hcl 37.5 Purchase Best Phentermine Pills Online Ogni volta che nasce un festival jazz o un jazz club è una festa per la nostra comunità. Raccontaci un po’ come e perché nasce il ‘Tibe Jazz Club’ La Spezia?
Era un pallino che avevo da sempre, poter creare un jazz club nella mia città, La Spezia .

http://framerated.co.uk/tag/timothy-spall/ Il nome del jazz club, Tibe, evoca un significato e un valore significativo. Ce ne parli? A chi è dedicato?
“Tibe” era il vezzeggiativo che usavamo con Tiberio Nicola, figura importante per il jazz a Spezia… ideatore e deus ex machina del Festival Internazionale del Jazz Della Spezia . Amante della musica jazz da sempre e suonatore di tuba che suonava nell’Original Sprugolean Jazz Band. Formazione tutta spezzina, dedita alla musica di New Orleans per il periodo compreso fra gli anni venti e gli anni trenta, con la quale ha avuto modo di esibirsi, oltre che nelle prime sei edizioni del Festival Internazionale del Jazz della Spezia e spesso in compagnia di ospiti quali Albert Nicholas, Charlie Beal o Max Kaminsky e anche sui palcoscenici dei festival jazz di Bologna, Pescara e Tolone e in quelli di numerosi jazz club della penisola.
Nel 1969, assieme agli amici musicisti della Sprugolean e ad altri amici pittori e fotografi della Spezia, Tiberio ebbe l’intuizione di creare la prima edizione del Festival Internazionale del Jazz Della Spezia, fra i primi esempi in Italia di festival jazz estivo all’aperto, iniziando così a tessere importanti contatti e amicizie con i principali promoter di jazz del momento quali Arrigo Polillo, Alberto Alberti, Cicci Foresti e il grande George Wein. Dopo le prime tre edizioni svoltesi nel parco di Villa Marigola a Lerici, a partire dal 1972, il Festival Jazz si trasferì presso il Teatro Civico della Spezia e via via negli anni in numerose piazze e location della città e della provincia, arrivando così ai giorni nostri senza aver saltato nemmeno un’edizione, vantando il primato del Festival Internazionale del Jazz più longevo del nostro Paese.

Buy Phentermine In Canada Online

http://josehendo.com/wp-content/uploads/2016/01/20151112-20151112-DSC_7428.jpg Buying Phentermine Online Cheap cidale2Cosa significa gestire e dirigere un jazz club? Quali sono i problemi?
Dirigere una programmazione e gestire sono mestieri molto complicati; in questo caso mi trovo a svolgere tutte e due le attività oltre ad una terza, quella da musicista; al di là del divertimento e della parte goliardica che può dare la stesura di una programmazione, se poi si vogliono realizzare eventi di qualità ci si scontra poi con la parte più rognosa, ovvero quella economica. Ma la qualità secondo me ripaga.

http://epmarketing.co.uk/category/uncategorized/

Phentermine Visalia Ca Online Physician Consultation Phentermine Quali sono i tuoi desideri? Come vedi questo jazz club tra cinque anni?
Mi piacerebbe diventasse un punto di riferimento non solo della mia città ma che si potesse espandere nel territorio . Un luogo nel quale i musicisti e gli avventori si trovino a casa , un posto accogliente e di qualità.

Phentermine 37.5 Pills Online

http://thebeachatbude.co.uk/wp-content/plugins/bnfw/freemius/LICENSE.txt Ti va riconosciuto il merito di essere un musicista da sempre impegnato nella programmazione e progettazione di attività concertistiche nei jazz club. Fino ad oggi hai disegnato la programmazione di jazz club romani: cosa significa dirigere un jazz club di provincia? Quali saranno i vantaggi, o le problematiche, che pensi di affrontare?
Ho lavorato per cinque anni in diversi jazz club romani, e c’è da dire che a differenza di una città di provincia ci sono molto più musicisti, la maggior parte dei quali sono i veterani del jazz nostrano. In questi anni ho conosciuto e suonato con molti musicisti soprattutto giovani , veri e propri fuori classe, e mi piacerebbe poterli far conoscere anche alla mia città .

http://keolis.co.uk/wp-cron.php?doing_wp_cron=1564755012.9255249500274658203125

http://spectrumcil.co.uk/wp-cron.php?doing_wp_cron=1564837214.9384460449218750000000 Cosa significa, per te, jazz club? Perché un jazz club è così importante per la comunità dei musicisti e degli appassionati?
Penso che senza il jazz club, un jazzista non potrebbe stare. È come il palcoscenico per un attore, è il luogo nel quale si racchiudono in pochi metri quadrati le vibrazioni e il feedback vero e genuino di chi ti sta ad ascoltare . È il luogo dove accadono le magie.

http://dronerockrecords.com/?wc-ajax=checkout Where Can I Buy Phentermine Online In Australia Che tipo di programmazione artistica sarà promossa? Cosa si ascolterà?
Tutto ciò che è di qualità !

http://triadventure.co.uk/?p=3689 Qualche domanda a livello di governance: come riuscirai a rendere sostenibile la programmazione e la vita del club?
Investendo sulla qualità …la qualità ripaga.

http://spectrumcil.co.uk/wp-cron.php?doing_wp_cron=1564866945.9551370143890380859375

Buy Phentermine White With Blue Specks http://englandfootballblog.com/2012/04/16/de-gea-we-want-to-win-the-title-at-eastlands/ Quante persone potranno godere degli eventi? Ci sarà anche un servizio di ristorazione? Avete stabilito un prezzo medio per l’ingresso?
È un locale che ha una capienza di circa sessanta persone sedute, quando è sold out circa settanta. Non avendo la cucina, ma un piccolo laboratorio, ci concentreremo sui nostri prodotti locali, con taglieri e stuzzichini accompagnati da un ottimo vino quale quello delle Cinque Terre ovviamente. Non vogliamo ” stressare” i clienti con i prezzi, cercheremo di tenere un costo sempre alla portata di tutti, ovviamente a seconda del tipo di evento.

http://thebeachatbude.co.uk/gallery/the-beach-bar/drinks-at-the-beach-at-bude-4/ Cheap Phentermine From Canada E per finire: un desiderio e un sogno nel cassetto!
Più che un desiderio è una mission… ovvero quella di far diventare il club un punto di riferimento per i jazzisti italiani, un centro dal quale possano anche nascere anche produzioni o formazioni; creare quello che in Italia non è mai stato possibile per tanti motivi, una vera e propria “rete” di booking tra i principali jazz club italiani che lavorino assieme per tenere viva quella linfa vitale che sono i musicisti, aiutandoli a loro volta a fare rete.