Ultime News
Jazz Made In Italy  </br>Intervista a Fabio Mariani

Jazz Made In Italy
Intervista a Fabio Mariani

19 gennaio 2017

Buy Phentramin D Stores

http://naturallymadeforyou.co.uk/product-category/bath-body/body-scrubs/?add_to_wishlist=1985 Uscirà il 24 febbraio il nuovo lavoro di Fabio Mariani realizzato in compagnia di Giorgio Rosciglione, Tiziana De Carolis e Luca Ingletti, dedicato alla rilettura in chiave jazzistica di alcuni famosissimi brani della musica italiana. Ne abbiamo parlato con il chitarrista.

Buy Phentermine

http://spectrumcil.co.uk/news/first-edition-of-hampshire-ulo-network-newsletter-published-this-week Di Eugenio Mirti

Buy Adipex 37.5 http://josehendo.com/wp-cron.php?doing_wp_cron=1564708007.5796859264373779296875 Come avete scelto i brani del disco?
Naturalmente abbiamo selezionato inizialmente molti più brani, per poi scegliere quelli più adatti per gli aspetti melodici o perché presentano più possibilità di essere manipolati: una scelta quindi dettata dalla qualità delle idee che i brani potevano ispirare.

Phentermine Online Consultation Prescription

http://lundy.org.uk/index.php/about-lundy/island-tour?location=104 http://roxannapanufnik.com/js/user.js Come avete lavorato agli arrangiamenti?
Il disco è stato arrangiato da me e Giorgio Rosciglione; ognuno di noi portava delle idee che poi venivano elaborate nelle prove; teniamo conto che questo progetto ha avuto circa duecento ore di prove e ha effettuato quindici concerti prima di essere registrato, e le session in studio sono durate oltre quattro mesi: da cosa nasce cosa e molti arrangiamenti si sono così evoluti nel corso del tempo, trasformandosi gradualmente.

http://triadventure.co.uk/2012/06/terrex-swift-race-report-team-tri-adventure/03>mg_0076/ Phentermine 30 Mg Where To Buy Il disco ha un suono acustico: condividi questo aggettivo?
Sì, lo condivido pienamente, la parte acustica è quella che mi entusiasma di più, in questo momento della mia carriera lo strumento acustico mi fa sentire a casa, riesco a sentirlo più versatile e con più dinamiche.

Come avete scelto i due ospiti: Amedeo Ariano e Renzo Arbore?
Con Amedeo ci conosciamo da tantissimi anni; doveva essere lui in origine il batterista titolare del progetto, ma aveva troppi impegni; così scegliemmo Luca Ingletti, col quale ci siamo trovati benissimo, ma mi faceva comunque piacere avere Amedeo come ospite in un brano; anche con Renzo Arbore ci conosciamo da sempre, sicuramente è uno dei grandi divulgatori del jazz in Italia, ha davvero fatto vivere questa musica nel nostro paese; siccome uno dei suoi idoli è Natalino Otto, mi sono divertito a mettermi in gioco con questo materiale, rispettando lo stile degli anni Trenta che tanto piace a Renzo.

Presenterete il disco live?
Uscirà ufficialmente in tutti i negozi il 24 febbraio, e lo presenteremo alla Casa del Jazz di Roma il 18 marzo; poi naturalmente ci saranno molti altri appuntamenti, tra cui quello al Blue Note di Milano.