Ultime News

Gezziamoci – XXXII edizione

Gezziamoci – XXXII edizione

7 settembre 2019

In questo fine settimana torna il Gezziamoci, il jazz festival della Basilicata, giunto alla sua trentaduesima edizione. Quest’anno la manifestazione coinvolgerà la celebre Città dei Sassi, Matera, non solo con i concerti a terrazzo Lanfranchi ma anche con street band dirette dal “Banditore”, performance dai balconi e l’immancabile concerto all’alba.

PROGRAMMA

Venerdì 6 settembre

Terrazzo Palazzo Lanfranchi (Matera) – Ore 21.00
Kevin Grieco Quartet
A Tribute to Pat Martino
Kevin Grieco, chitarra
Nicolò Petrafesa, piano elettrico
Antonello Losacco, contrabbasso
Marcello Nisi, Batteria

Sabato 7 settembre

Piazza Ridola (Matera) – Ore 17.30
ConturBand in Balcone
Itinerario musicale alla scoperta degli angoli acusticamente suggestivi dei Sassi in compagnia di Rino Locantore, il Banditore, Kevin Grieco, Rossella Palagano e Raffaele Lamacchia

Terrazzo Palazzo Lanfranchi (Matera) – Ore 21.00
Lorenzo De Finti Quartet
Lorenzo De Finti, pianoforte
Gendrikson Mena, tromba
Stefano Dall’Ora, contrabbasso
Marco Castiglioni, batteria

Domenica 8 settembre

Piazza della Visitazione (Matera) – Ore 5.00 (presentarsi automuniti)
Collaudi sonori all’alba
Escursione nel Parco della Murgia Materana
Duo Michisanti/Lento

Piazza Ridola (Matera) – Ore 18.30
ConturBand in Balcone
Itinerario musicale alla scoperta degli angoli acusticamente suggestivi nei Sassi in compagnia di Rino Locantore il Banditore, Emanuele Schiavone, Nicolò Petrafesa e Mariangela Figliuolo

Terrazzo Palazzo Lanfranchi (Matera) – Ore 21.00
Federica Michisanti Horn Trio
Francesco Bigoni, sax tenore e clarinetto
Francesco Lento, tromba e flicorno
Federica Michisanti, contrabbasso

Venerdì 13 settembre

Cava del Sole (Matera) – Ore 21.00
Jan Garbarek Group
Jan Garbarek, sassofono
Rainer Brüninghaus, pianoforte e tastiere
Yuri Daniel, basso
Trilok Gurtu, percussioni

Domenica 29 settembre

Casa Cava (Matera) – Ore 20.30
Gianfranco Menzella Quartet
Gianfranco Menzella, sax tenore
Bruno Montrone, piano
Giuseppe bassi, contrabbasso
Giovanni Scasciamacchia, batteria
Special guest Joe Magnarelli, tromba

SFR – SUONI DEL FUTURO REMOTO

Ogni luogo ha un sound che lo rappresenta e che è composto dai suoni naturali, da quelli prodotti dalle sue comunità, dai luoghi tipici, da quelli che si trasformano nel tempo.

Suoni del Futuro Remoto è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, realizzato dall’Onyx Jazz Club e coprodotto da Fondazione Matera-Basilicata 2019, e nasce per presentare all’Europa il racconto di Matera, attraverso l’esplorazione della sua acustica, dei suoi suoni e delle sue tradizioni. Il progetto multidisciplinare è rivolto alla ricerca e alla produzione d’avanguardia nel campo delle arti sonore: in questo campo espressivo si vogliono comprendere diversi linguaggi, dalla musica all’installazione sonora, dalla performance dal vivo ai lavori di fieldrecording e di soundscaping. Il prodotto ultimo sarà un concerto con partitura per suoni naturali eseguito dal Collettivo Onyx e dal quintetto di Paolo Fresu.

La capacità di costruire un futuro, soprattutto per le giovani generazioni, riportato nel claim “Open Future”, si coniuga attraverso la conoscenza della storia e delle tradizioni di un territorio. Il progetto è una scommessa tra questo binomio, tener conto delle tradizioni per camminare nel futuro e le sue parole chiave sono: collaborazione, attraverso una rete internazionale di professionisti, generosità, coinvolgimento della cittadinanza, lentezza, attraverso l’analisi dei suoni, fiducia, con la creazione di una community lucana.

Il progetto racconta di un angolo particolare del Sud del Mediterraneo che, attraverso le sue peculiarità (paesaggio, storia, natura, tradizioni, suoni e lentezza), diviene patrimonio collettivo. A questo processo, partecipano, in egual misura, figure professionali provenienti da varie zone dell’Europa e non solo, le quali diventeranno portavoce di un progetto che può raccontare il passato guardando al futuro.

 

Performance dal vivo di musicisti e artisti hanno sperimentato le particolari sonorità per raccontare un inedito itinerario sonoro. Il compito più importante, quello di registrare i suoni, è stato affidato agli studenti della Facoltà di Architettura dell’Università di Basilicata, i ragazzi di UniBanda che hanno lavorato con i loro colleghi dell’Università di Hannover e con gli esperti della Scuola di Alto Perfezionamento musicale di Saluzzo. Dai suoni naturali della Gravina a quelli della Festa patronale passando attraverso i suoni delle piazze, dei vicoli, delle botteghe artigiane, tutto si è trasformato in note musicali.

Il materiale è arrivato nelle mani di un abile musicista statunitense, Joe Johnson, il quale insieme al Collettivo Onyx ha dato vita a una vera e propria partitura orchestrale, che verrà eseguita in prima mondiale il 26 settembre a Matera in un concerto al quale parteciperà come ospite d’onore il trombettista Paolo Fresu.

Suoni del Futuro Remoto è così pronto con nuovi appuntamenti a dare vita a un cartellone nel corso del quale il pubblico verrà accompagnato nella magia del suono, nella sperimentazione musicale, attraverso installazioni e sperimentazioni sonore.

A novembre 2019 il Collettivo Onyx sarà ospite del Comune di Saluzzo, partner del progetto, dove i suoni di Matera si mescoleranno con quelli della cittadina piemontese.

PROGRAMMA settembre 2019

22/27 TRACCE SONORE

Lunedì 23 settembre

Auditorium Casa Cava (Matera) – Dalle ore 16.00
(Prove aperte. Riservato a cinquanta persone)
Collettivo Onyx & Paolo Fresu
Direzione Joe Johnson
VideoArt Massimo Ottoni
Ingresso con passaporto fino a esaurimento posti

Martedì 24 settembre

Auditorium Casa Cava (Matera) – Dalle ore 16.00
Prove aperte. Riservato a cinquanta persone
Collettivo Onyx & Paolo Fresu
Direzione Joe Johnson
VideoArt Massimo Ottoni
Ingresso con passaporto fino a esaurimento posti

Martedì 24 settembre
Palazzo Lanfranchi, Sala delle Arcate (Matera) – Ore 20.30
Paolo Fresu, tromba ed elettronica
Ingresso con passaporto fino a esaurimento posti

Mercoledì 25 settembre
La Raccolta delle Acque e Palombaro del Caveoso (Via del Purgatorio Vecchio, 12/13)
Tre performance dal vivo: ore 17.00 – ore 19.00 – ore 21.00
Hilde Marie Holsen, tromba ed elettronica (Norvegia)
Ingresso con prenotazione

Giovedì 26 settembre
Piazza San Pietro Caveoso (Matera) – Ore 20.30
SFR – Suoni del Futuro Remoto, Partitura per Orchestra e Suoni Naturali
Collettivo Onyx e Paolo Fresu
Marta Gadaleta, voce – Gianfranco Menzella, sax tenore – Mike Rubini, sax alto – Pepi Romaniello, sax tenore e soprano – Biagio Orlandi, sax tenore e soprano – Nicolò Petrafesa, pianoforte – Gianni Vancheri, chitarra e clarinetto basso – Rino Locantore, voce, tamburi a frizione, bottiglia, metallofonia (frangizzolle) – Pasquale Gadaleta, contrabbasso – Giacomo Mongelli, batteria
Ospite Paolo Fresu (tromba ed elettronica)
Massimo Ottoni, videoArt
Composizione e direzione Joe Johnson
Campionamenti Unibanda
Ingresso con passaporto, fino a esaurimento posti

INFO

www.onyxjazzclub.com

www.suonidelfuturoremoto.com