Ultime News

Fabio Giachino
Nibiru’s Edges
Inside the Score

Fabio Giachino<br/>Nibiru’s Edges<br/>Inside the Score

2 dicembre 2019

Il nuovo appuntamento con “Inside the Score”

Nuovo appuntamento con la rubrica Inside The Score: abbiamo chiesto ad alcuni dei musicisti più emblematici della comunità jazzistica italiana di raccontarci una loro composizione. Buona lettura.

Di Fabio Giachino; a cura di Eugenio Mirti

Il titolo del brano fa riferimento al “presunto” pianeta ipotizzato dallo scrittore Z.Sitchin sulla personale interpretazione di alcuni scritti sumeri, il pianeta sarebbe il tredicesimo del nostro sistema solare e il brano è scritto in 13/4: I confini di Nibiru.
Il tema principale si sviluppa, dopo una breve introduzione libera del basso, sulle note principali della scala minore di E (tonalità d’impianto del brano) alternate ad alcune note esterne che mi piace definire “esotiche” e rendono il colore più misterioso, ed è esposto dal pianoforte e dal moog (synth).
A questa sezione se ne alterna una seconda più aperta nella quale i fiati si rincorrono in un piccolo gioco contrappuntistico alternando le metriche di 3/4 e 4/4 nello sviluppo armonico del brano.
Il solo si basa tutto sul pedale iniziale di E in 13/4, prosegue con un background dei fiati su una successione armonica che ricorda la seconda sezione, conducendo poco per volta alla ripresa finale del tema.
La coda finale si svolge su un gioco ritmico di 1/4 + 3/4 in cui il 3/4 viene diviso 1,5 + 1,5 per rendere il respiro ritmico meno scontato e dare un senso di rallentamento al groove sul quale la batteria improvvisa un solo libero, terminandolo “a chiamata” e concludendo il brano.

img
img
img
img
img
img
img
img
img

 

img

 

 

img

© Jazzit 2019