Ultime News

Angela Bartolo
Il Jazz italiano per le Terre del sisma
Reportage

Angela Bartolo</br>Il Jazz italiano per le Terre del sisma</br>Reportage

3 settembre 2017

Si è tenuta dal 31 agosto al 3 settembre la rassegna “Il jazz italiano per le terre del sisma”; l’ha seguita e fotografata per Jazzit Angela Bartolo.

Di Angela Bartolo

È partita il 31 agosto da Scheggino la terza edizione della manifestazione “Il jazz italiano per le terre del sisma”. La kermesse ideata in sostegno del territorio aquilano colpito dal sisma da Paolo Fresu, che ne è anche il direttore artistico, si è estesa lo scorso anno dopo il terremoto del 24 agosto, quando le terre del centro Italia hanno ricominciato a tremare.
Questa edizione è iniziata a Scheggino il 31 agosto con i primi quattro concerti, per spostarsi a Camerino il primo settembre. Il maltempo però ha impedito che il palco della Rocca Borgesca, luogo simbolo per il paese, venisse utilizzato, tutto si è svolto all’interno dell’Auditorium Benedetto XIII. Nessuno dei presenti ha peraltro permesso al meteo di rovinare lo spirito della manifestazione: sul palco si sono avvicendati oltre venti musicisti con le loro formazioni, mentre artigiani del luogo sotto il porticato servivano prodotti tipici per rifocillare tutti i presenti e promuovere il territorio.

Il pomeriggio si è aperto con il Giuseppe vitale Trio, per proseguire con un piano solo di Lorenzo Vitolo, drumbone (trombone e batteria) con Massimo Morganti e Stefano Paolini, seguiti da Napolioni/Petracci/Manzi ospite Anna Laura Alvear Calderon, Na.Sa. Unity Band con Federico Milone, e ancora Alfredo Laviano e Peppe Consolmagno con le loro incredibili percussioni, Connie Valentini e Camillo Pace, per chiudere in bellezza con i Quinto Rigo e Roberto Gatto che attraverso le sonorità sempre attuali di Frank Zappa hanno chiuso una giornata staordinaria.

Il 2 settembre ad Amatrice il programma comprendeva la partita del cuore allo stadio Gran Sasso d’Italia Italo Acconcia, tra AmiciAmatriceAquila & Nazionale Italiana Jazzisti alle ore 12, per proseguire poi al piazzale Ex Istituto Alberghiero con Paolo Fresu e Daniele Bonaventura.

il 3 settembre a l’Aquila ben diciassette concerti in tutti i luoghi simbolo per la città: un grande momento di solidarietà e di sostegno che la musica vuole dare a questo territorio così profondamente ferito dagli eventi.

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

img

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *